SOSPESO IL PROCESSO A MEDIASET

LO SAPEVATE CHE

HANNO SOSPESO IL PROCESSO A MEDIASET GRAZIE AL PACCHETTO SICUREZZA?

E non ditemi che é inutile parlarne

Moreno non ha esitato a definire “imbarazzante e unico nel suo genere” l’atteggiamento della diplomazia italiana che attraverso i suoi tre ambasciatori ha ufficialmente protestato contro El Pais, Washington Post e Guardian, colpevoli di aver pubblicato articoli critici nei confronti del governo Berlusconi.
I giudici del la seconda sezione penale del Tribunale di Milano hanno sospeso fino al 10 dicembre prossimo il processo a carico del presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, imputato di frode fiscale per la compravendita di diritti televisivi e cinematografici.A chiedere la lunga sospensione è stato il pm Fabio De Pasquale e dico il pm. E NON GLI AVVOCATI in riferimento all’applicazione del pacchetto sicurezza sulla sospensione dei procedimenti non urgenti.
Il presidente di Mediaset deve rispondere di frode fiscale per gli anni 2001, 2002 e 2003. Per la Procura in quegli anni sarebbero state effettuate false dichiarazioni dei redditi per circa 15 milioni di euro.Probabilmente per il 10 dicembre la causa a carico di Confalonieri potrà essere riunita al processo nel quale, imputato, figura anche Silvio Berlusconi dopo che la Corte costituzionale si sarà pronunciata sulla legittimità del Lodo Alfano.

UN’ALTRA LEGGE A DOC FATTA APPOSTA
INTANTO IL TEMPO PASSA e a dicembre ci sarà altra legge che rimanderà oppure chiude il processo .. CHE SCHIFO !!!!! E L’ITALIA CHE DORME ANCORA .. addormentata da grande fratello, e telenovele e le bugie totali di Fede e Berlusconi…

Ma da quando in Italia, nel pieno di una crisi economica, la FRODE FISCALE non necessita di provvedimenti urgenti?

Quando questa dittatura finirà sarà troppo tardi!!!! e Berlusconi & c. dovranno scappare dall’italia e dalla furia della gente.Credetemi prima o poi dovrà succedere, ma in che paese viviamo?

SOSPESO IL PROCESSO A MEDIASETultima modifica: 2009-04-03T11:54:04+00:00da gianniiviglia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento